Skip to main content

#hope2026 Messaggio temporale vista mare

Timegram2026 si sta connettendo a Facebook2018 tramite #hope2026. Attendi qualche istante per favore…

Scrivi qui il tuo messaggio su Facebook 2018:

Mi piace sempre perdermi nella luce calda del tramonto della spiaggia in cui abbiamo organizzato i gruppi di lettura estivi. Alcune persone che sono nel gruppo spesso mi prendono in giro perché sono paranoico e conservatore e ricordo troppo spesso gli anni del blackout, ma lo faccio per ricordarci che non si può dare nulla per scontato. Sono proprio come mio padre che mi raccontava della vita negli ultimi anni della seconda guerra mondiale: le pagelle con le discipline maschili e femminili, la coda per comprare il pane, lo sfollamento a Terzigno. Anche io avevo i miei traumi, se volete più sottili ma comunque persistenti.
Non è mica facile adattarsi in poco tempo a questa situazione di benessere improvviso! Dopo la Grande Restituzione è tutto cambiato, grande idea quella di hackerare i sistemi per la ridistribuzione del valore di tutto quel lavoro gratuito che svolgevamo anche per tenere in vita i social media e tutte le vecchie istruzioni! Menomale, perché non se ne poteva più di rinunciare alle proprie inclinazioni per mettere parte qualche euro; non se ne poteva più del grande inganno che era quella guerra tra ultimi (ma soprattutto dei primi contro gli ultimi) che si era scatenata durante gli anni del blackout.
Il grande blackout era iniziato quando tutte le opinioni avevano lo stesso valore, quando negli ambienti dei media digitali e nelle università – che erano fino allora gli unici posti dove si poteva respirare – l’aria si era fatta pesante come fuori. Fuori si giocava una partita sulla pelle della gente, dispersa in mare perché proveniente da paesi in guerra, picchiata per strada perché sfidava il sistema il concetto la di norma di genere. Mi tornano in mente le pagelle di mio padre. Fuori però si usava la stessa gente per le eccellenze del made-in-italy e per vendere e comprare arcobaleni.
Mi connetto con voi del 2018, sperando che possiate rispondermi sul protocollo #hope2026, proprio perché il 2018 è il caso studio di cui mi occupo nel reading group estivo. Ci sarebbero tante cose da spiegarvi perché nel 2026 è davvero tutto cambiato: i reading group hanno stravolto il sistema dell’istruzione e tutti possono prendere un po’ di tempo da dedicare ai propri interessi. L’indice FMA di Napoli (oddio quante cose che vi devo spiegare: è la Felicità Media degli Abitanti) sta aumentando in modo inaspettato.
Il mio tempo a disposizione è finito: vado a farmi un bagno ché mi piace sempre fare il bagno al tramonto! Alcune cose non cambiano.

Ah dimenticavo, come si faceva su Facebook nel 2018, vi posto una canzone del 1999, un anno di forti paure e grandi speranze. Dice così: “Við munum gera betur næst, Þetta er ágætis byrjun”. “Faremo meglio la prossima volta, ma questo è un buon inizio”

Disconnessione in corso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *