Skip to main content

Adesione all’appello dalle Università del Rojava e di Kobane

In quanto comunità di studios*, l’Unità di Ricerca sulle Tecnoculture sente l’urgenza di prendere posizione contro l’invasione del Rojava decisa dall’attuale presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdoğan, e a favore del diritto di autodeterminazione del popolo curdo. Nel 2016 avevamo già aderito all’appello in solidarietà con le accademiche e gli accademici turchi, definiti “rifiuti umani”, licenziati, ostracizzati e imprigionati per aver firmato un appello per la pace in Kurdistan. Crediamo che,  in una prospettiva decoloniale e femminista, in questi momenti in cui si sta consumando il massacro di una popolazione che già da anni resiste contro lo stato e contro l’ISIS, sia di nuovo necessario e urgente prendere posizione. Scegliamo di pensare accanto a coloro che combattono per la loro autodeterminazione, imparando dalle pratiche cosa significhi produrre pensiero trasformativo. Denunciamo l’attuale politica di censura delle pagine che producono controinformazione dal Rojava e degli eventi per promuovere attività di solidarietà da parte dalla mega piattaforma di social networking Facebook, il cui CEO in questi giorni si presenta pubblicamente come paladino della libertà di espressione, e ci impegniamo a condividere sulla nostra pagina FB analisi e documenti relativi a questa intollerabile violenza. Firmando l’appello e diffondendolo, ci proponiamo di farci cassa di risonanza per queste informazioni, per quello che ci è possibile.

Appello dalle Università del Rojava e di Kobane

Con questo documento noi, Università del Rojava e di Kobane, affermiamo che la storia sta assistendo ad un altra cospirazione contro il nostro popolo in resistenza. Per sette anni, i Curdi del Rojava e della Siria del Nord hanno risposto agli attacchi dei mercenari venuti da tutto il mondo ed in questo modo hanno difeso l’umanità intera. Oggi purtroppo questi stessi popoli in resistenza stanno affrontando un sistematico attacco internazionale. Anche se lo Stato turco si mostra in prima linea esistono delle forze internazionali alle sue spalle. Queste forze che avevano lodato la resistenza dei Curdi contro l’Isis oggi per i loro sporchi interessi acconsentono ed anche partecipano all’attacco che ha come obiettivo i Curdi. I cittadini della Russia, degli Stati Uniti d’America e di altri paesi sono stati uccisi in passato dall’Isis in coordinamento con lo Stato turco. Questo oggi sostiene l’Isis ed i suoi mercenari per massacrare i Kurdi secondo un piano politico neo-Ottomano. Lo stato turco ed i suoi mercenari dell’o Stato islamico, di Jabhat al -Nusra, Ahrar al Sham ed altri stanno attaccando ogni luogo che abbia un valore sociale, storico e scientifico. Distruggono, uccidono e saccheggiano. Il mondo intero è testimone del sabotaggio compiuto dallo Stato turco e dai suoi mercenari ad Afrin, Palmira, Mosul, Raqqa e Husanakaif.

Come docenti, studenti e personale delle università del Rojava e di Kobane, nonostante gli attacchi dello Stato turco, abbiamo continuato a impegnarci per la scienza e la conoscenza durante questi ultimi tre anni. Sfortunatamente oggi, tutti gli sforzi, i valori e la neutralità delle università e delle scuole sono seriamente minacciate dal terrorismo di Stato e dai suoi mercenari.

Noi, università del Rojava e di Kobane, diciamo che la scienza e la conoscenza sono anzitutto dei valori sacri per la società che garantiscono un senso morale ed un comportamento rispettoso di tutti. Resteremo all’altezza di questi valori e resisteremo fino alla fine. Intanto facciamo appello a tutte le figure del mondo accademico, alle università ed alle accademie internazionali affinché condannino questi attacchi brutali ed alzino la loro voce e prendano posizione contro di essi. Affinché si possa ancora dire che la scienza, la conoscenza e la cultura sono le basi della dignità umana.

Lunga vita alla resistenza del Rojava e della Siria del Nord

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *